X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

IX. Premio d'Architettura Alto Adige 2019

Benvenuti sulla pagina web dedicata al Premio di Architettura 2019. Il Premio di Architettura viene indetto ogni due anni dalla Fondazione Architettura Alto Adige e vengono premiati i migliori progetti realizzati in Alto Adige da gennaio 2014 e ultimati entro l'11 ottobre 2018. Una giuria seleziona in una prima fase i quattro finalisti per categoria che costituiranno le opere poi sottoposte alla valutazione del pubblico. Le categorie sono:


- Edici pubblici
- Residenze
- Edifici per il lavoro e il turismo
- Spazi aperti ed infrastrutture
- Allestimento degli interni
- Riqualificazione dell’esistente
- Export

I 30 progetti vengono pubblicati su questa pagina web. I vincitori verranno resi noti con una premiazione pubblica durante la

“festa dell’Architettura”
che avrà luogo l’11 gennaio 2019,
presso il NOI Techpark in via A. Volta 13 a Bolzano



Ulteriori Informazioni sul sito www.fondazione.arch.bz.it
Torna indietro

Atelier „la cucina di haidacher“

Interior

Anno di costruzione

Realizzazione 2013

Numero del progetto

071

Dettagli

Ristrutturazione

270m3

Architetto/Partner

Arch. Lukas Mayr

 Lukas Mayr Architekt 

Da quasi 110 anni la famiglia Haidacher esegue lavori di falegnameria a Rio Liccio, presso Perca. Fino a poco tempo fa il laboratorio del 1950 stava lì un po’ abbandonato, finchè un giorno Jochen Haidacher, maestro falegname, ebbe l’idea di trasformare questo spazio modesto in uno showroom.
Per l’architetto Lukas Mayr era necessario che l’esterno semplice e modesto venisse integrato nel concetto architettonico.
Solo guardando attentamente si può notare come l’edificio sia completamente inserito nell’ambiente circostante. Da fuori ci sono solo delle indicazioni impercettibili che rivelano questo spazio così particolare.
Dentro si apre una porta su un mondo nuovo, la possibilità di di porre domande specifiche: come sarà una cucina di altissima qualità artigianale nel ventunesimo secolo? Come può il concetto di “cucina” essere nuovo o sempre innovativo? Qual è il segreto per una cucina intramontabile? Come accettiamo l’idea espressa da Walter Gropius, il fondatore del Bauhaus, secondo cui gli specialisti tendono a fare sempre gli stessi errori?
Dal punto di vista progettuale il criterio seguito è stato quello di un certo minimalismo: tutte le pareti, gli elementi murari, il pavimento ed il soffitto sono stati ricoperti di epoxy nera.
La luce viene assorbita da questi elementi - quello che resta in questo contesto è un’atmosfera quasi sacrale in cui l’attenzione rimane concentrata sugli elementi essenziali delle questioni poste. Il centro dell’attenzione è un blocco cucina massiccio in legno di ciliegio locale ed un acciaio inossidabile particolare. Su una parete ci sono i campioni dei materiali impiegati nel produrre le cucine Haidacher. Sulla galleria c’è un’area riunioni con una splendida vista sul bosco. Uno spazio autentico che dà ispirazione.
Cosa scaturisce qui? In primo luogo deve far parlare della cucina come di uno spazio. Dei suoi bisogni, delle esigenze, delle atmosfere.

teamblau