X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Benvenuti sulla pagina web dedicata al Premio Architettura Alto Adige 2019!

Il Premio Architettura Alto Adige ha come fine quello di selezionare e divulgare le opere di architettura realizzate in Alto Adige che si sono distinte per la qualità delle idee e la coerenza costruttiva, attraverso l'impiego di tecnologie, consolidate o innovative. Opere in grado di instaurare un rapporto fecondo con l'esistente costruito, il paesaggio, la committenza e la società.
I 24 progetti selezionati per il premio del pubblico vengono presentati su questa pagina web. I vincitori verranno resi noti con una premiazione pubblica durante la
< festa dell’Architettura >
che avrà luogo l’11 gennaio 2019, presso il NOI Techpark
in via A. Volta 13 a Bolzano

Ulteriori Informazioni sul sito www.fondazione.arch.bz.it



 

La Rosa di Versciaco

Edici pubblici

Allestimento degli interni

Spazi aperti ed infrastrutture

Anno di costruzione

Realizzazione 2016

Numero del progetto

161

Dettagli

Nuova costruzione

630

Architetto/Partner

Studio Pedevilla Architekten

Arch. Alexander Pedevilla

Arch. Armin Pedevilla

La nuova caserma dei vigili del fuoco si trova nella parte est dell’ Alta Pusteria a 1.130 m s.l.m. L’edificio allungato a due piani segue l’andamento della strada principale e forma ampi spazi aperti: al piano superiore un locale adibito per associazioni difronte alla sala e al piano inferiore un locale d’esercizio/parcheggio, che si collega al capannone veicoli. Anche la scala esterna permette un collegamento tra la strada e il parcheggio. Il colore rosso rende evidente l’originalità del nuovo edificio. Tutte le superfici della costruzione sono in cemento pigmentato, per cui il carattere monolitico dell'edificio dovrebbe essere rafforzato. Lo spessore del muro rimane in evidenza e rileva l'aspetto massiccio della casa. Per un contrasto alla superficie massiccia del calcestruzzo, la “sala”, anche punto di incontro dei residenti di Versciaco, è stata realizzata in legno cirmolo e Loden locale. Una particolarità di questo progetto è l’alto livello di abilità del grezzo, cioè la necessità di poche opere di finitura per terminare l’edificio. Dato che il grezzo dell’edificio corrisponde quasi allo stato finale, il concetto architettonico viene ricondotto alle costruzioni originali in pietra. L’irregolarità e la venatura fanno il fascino del materiale. Le superfici esterne sono idrofobe e un po’ levigate. La semplicità morfologica dell‘edificio e l’utilizzo di pochi materiali da costruzione hanno spianato la strada per una costruzione economica e quindi sostenibile. Particolare attenzione è stata posta su una costruzione robusta e semplice. L’elevata capacità termica del calcestruzzo isolante dell’intero edificio monolitico fa si che lo stesso si presenta come un grande accumulo termico, riducendo così i costi energetici al minimo. La scelta del materiale garantisce un’elevata longevità e bassi costi di manutenzione.

Premiazioni: The Plan Award 2016 - Finalist, Iconic Award 2016 - best of best, Architekturpreis Farbe Struktur Oberfläche 2016 - nominato, Piranesi Award 2016 - menzione, best architects 2017, German Design Award 2017 - Gold Winner, Architetti Arco Alpino 2017 - nominato, Fassa Bartolo International Prize 2017 - Honourable Mention

teamblau