X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

IX. Premio d'Architettura Alto Adige 2019

Benvenuti sulla pagina web dedicata al Premio di Architettura 2019. Il Premio di Architettura viene indetto ogni due anni dalla Fondazione Architettura Alto Adige e vengono premiati i migliori progetti realizzati in Alto Adige da gennaio 2014 e ultimati entro l'11 ottobre 2018. Una giuria seleziona in una prima fase i quattro finalisti per categoria che costituiranno le opere poi sottoposte alla valutazione del pubblico. Le categorie sono:


- Edici pubblici
- Residenze
- Edifici per il lavoro e il turismo
- Spazi aperti ed infrastrutture
- Allestimento degli interni
- Riqualificazione dell’esistente
- Export

I 30 progetti vengono pubblicati su questa pagina web. I vincitori verranno resi noti con una premiazione pubblica durante la

“festa dell’Architettura”
che avrà luogo l’11 gennaio 2019,
presso il NOI Techpark in via A. Volta 13 a Bolzano



Ulteriori Informazioni sul sito www.fondazione.arch.bz.it
Torna indietro

Nuovo centro del paese - San Martino in Passiria

Open spaces

Anno di costruzione

Realizzazione 2013

Numero del progetto

092

Dettagli

Nuova costruzione

Architetto/Partner

Arch. Andreas Flora

 Architekt Andreas Flora 

Il progetto ha come oggetto la realizzazione di un’autorimessa interrata e la costruzione di un padiglione musicale. Con la chiusura del palcoscenico si genera inoltre una sala multifunzionale per manifestazioni indoor e outdoor. Inoltre il progetto comprende la sistemazione e riqualificazione della piazza con la modifica sostanziale del traffico veicolare e pedonale. Negli spazi interrati troveranno posto i locali delle associazioni del paese e il locale prova della banda musicale, creando una sinergia ottimale con il palco. Nonostante la volumetria considerevole, sulla piazza emerge solo un solitario, perché tutte le funzioni sono sotterranee. In questo modo è garantito che le facciate sotto tutela delle case sul limite sud e est della piazza non vengano pregiudicate. Con la pieve - anch'essa sotto tutela – il nuovo corpo di fabbrica dialoga mediante la formale articolazione del tetto a due falde nonché mediante la scelta dei materiali edilizi di provenienza locale, prevalentemente pietra naturale della Val Passirio e legno non trattato. L’altezza del nuovo edificio è inferiore a quella della pieve creando un’interessante tensione e conservando la presenza della pieve in piazza.

teamblau